LaDiscoteca – laboratorio sui linguaggi del corpo e della danza

Cristina Kristal Rizzo

DATE

dal 9 al 12 Agosto 2018

Scadenza iscrizioni 15 Luglio 2018

 

Per iscriversi al workshop/residenza si prega di inviare

il CV con nome, età e contatti(non più di due pagine) a

cornioloartplatrform@gmail.com

con oggetto della email “Application LaDiscoteca2018″

 OPEN CALL

CONCEPT

LaDiscoteca è un laboratorio di danza aperto ad amatori, danzatori professionisti, performers, coreografi, come spazio di condivisione di pratica e di ricerca.
Il percorso attivo da diversi anni presso la storica scuola di danza Hamlyn a Firenze, si articola in due incontri alla settimana: il laboratorio di ricerca sul movimento condotto da Cristina Kristal Rizzo e gli incontri di studio sulla danza contemporanea curati da Marta Bellu, entrambi propongono una metodologia di esplorazione. LaDiscoteca offre inoltre interventi e approfondimenti sul tema delle tecniche del movimento e uso della voce tenuti da altri professionisti durante l’anno.
In questa occasione il gruppo condividerà per quattro giorni gli spazi e le pratiche attivando
esercizi, discussioni e momenti conviviali.
Il tema proposto sarà “We have killed authority, but…”, Questa frase sarà un luogo di partenza per gli esercizi e le proposte di discussione nonché un motore di organizzazione del tempo condiviso

bio

Cristina Kristal Rizzo dancemaker, è attiva sulla scena della danza contemporanea italiana a partire dai primi anni 90.
Basata a Firenze, si è formata a New York alla Martha Graham School of Contemporary Dance, ha
frequentato gli studi di Merce Cunningham e Trisha Brown. Rientrata in Italia ha collaborato con
diverse realtà artistiche tra cui il Teatro Valdoca, Roberto Castello, Stoa/Claudia Castellucci, Mk, Virgilio Sieni Danza, Santasangre. É tra i fondatori di Kinkaleri, compagnia con la quale ha
collaborato attivamente attraversando la scena coreografica contemporanea internazionale e ricevendo numerosi riconoscimenti. Dal 2008 ha intrapreso un percorso autonomo di produzione
coreografica indirizzando la propria ricerca verso una riflessione teorica dal forte impatto dinamico tesa a rigenerare l’atto di creazione stesso e ad aprire riflessioni sul tempo presente. Attualmente una delle principali realtà coreografiche italiane è ospitata nei più importanti festival della nuova scena internazionale. Alla circuitazione degli spettacoli si affianca una intensa attività di conferenze, laboratori e proposte sperimentali. In qualità di coreografa ospite ha creato coreografie per I principali enti Lirici ed istituzioni teatrali italiane, tra i quali: il Teatro Comunale di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino, il Balletto di Toscana Junior, Ater Balletto.

Condizioni

Il numero massimo dei partecipanti è 10.
La partecipazione alla residenza è un’esperienza comunitaria.
Si condivideranno la preparazione e la consumazione dei pasti.
I partecipanti alloggeranno in ampie camere doppie e triple, l’uso dei bagni è in condivisione.
Non sono disponibili camere singole.