Diaphasis > Temporary Editorial Unit

Corniolo Art Platform 31 Luglio – 2 Agosto 2012

Redazione temporanea
Diaphasis a cura di Archiviazioni, Giusy Checola e Pietro Gaglianò
La costruzione di metodologie di lavoro e di collaborazione nella sfera pubblica nel Sud d’Italia; l’intercettazione e l’approfondimento dei cambiamenti sociali, politici e culturali in atto a Sud; l’archivio come strumento e pratica formativa, artistica e generativa: questi i tre ambiti di ricerca di Diaphasis, la redazione temporanea allestita da Archiviazioni presso Corniolo Art Platform.
Il gruppo di ricerca radunato a Corniolo ha alternato alle sessioni di lavoro, confronto ed elaborazione di strategie, spazi di condivisione e convivio aperti ad altri artisti, curatori e teorici invitati a prendere parte ai lavori, all’interno di un’antica villa medicea immersa nella Vallata del Mugello, a pochi chilometri a nord di Firenze.
Per Archiviazioni l’appuntamento a Corniolo ha costituito un momento di produzione e definizione di una nuova cornice umana, metodologica e operativa, e avvia un cantiere per individuare forme di sincronia e complementarietà con altri soggetti attivi in contesti socio-culturali analoghi, in Italia e all’estero, che possa portare alla costruzione di una rete di soggetti locali autonomi riuniti da un agenda comune.

ARTISTI RESIDENTI

 

Archiviazioni (Giusy Checola, Federica Scorza, Pietro Gaglianò, Diego Segatto), Paolo Mele (Ramdom Association, Lecce), Stefano Taccone (art historian and curator, Napoli), Anna Saba Didonato (art historian and curator, Foggia), Daniele Guadalupi (artist and curator, Brindisi), Angelo Bianco (SoutHeritage Foundation, Matera), Ilaria Mariotti (curator, Pisa), Valentina Dessì (iovogliotornare.it, Cosenza), Lucia Giardino (art historian and curator, Firenze – Guilmi).

The afternoon sessions: Susanna Ravelli (EU planner, Milan), Alessandra Poggianti (art critic and curator, Livorno – Mexico), Juan Pablo Macias (artist and curator, Mexico), Francesca Recchia (independent researcher, from India), Emanuela Baldi (Love Difference), Markus Miessen (architect and researcher, Berlin), Ilaria Lupo (artist and cultural manager, Beirut), artists Paolo Parisi, Enrico Vezzi, Mirko Smerdel, Bernardo Giorgi, Leone Contini, Gaetano Cunsolo and Kali Nikolou.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × tre =