2016- Decompression Gathering Summer Camp

A cura di Berit Fischer

 

La curatrice berlinese Berit Fischer  invita artisti, curatori e operatori culturali a partecipare a The Vibratile Body: un’esplorazione sul relazionarsi del micro e macro nell’azione corporea, che indaga come la coscienza del corpo individuale influenza l’agire collettivo.

I partecipanti D_Camp 2016 sperimentano insieme una settimana incentrata su una reinterpretazione delle pratiche collettive e di coscienza critica sviluppata da Paulo Freire. Berit Fischer propone per questa edizione attività giornaliere di yoga, meditazione ed respirazione che saranno intrecciate con discussioni di gruppo intorno al concetto di sé come un ‘corpo vibratile’ di Suely Rolnik e come ‘corpo sociale’ (Franco ‘Bifo’ Berardi ), momenti alternati con un percorso di visite a centri culturali e di pratiche olistiche locali. La settimana sviluppa un metodologia di intreccio fra esperienziale, pratico e teorico a supporto dello scambio critico fra i partecipanti.

The Vibratile Body si interroga sulle modalità in cui connessioni di flussi di tempo condiviso, una maggiore dedizione all’auto-consapevolezza, lo sviluppo empatico tra il sé e l’altro, possano produrre un corpo collettivo consapevole da intendersi come strumento di ‘self-empowerment’.

ARTISTI RESIDENTI

2016 – Alex Brown, (researcher/artist), Glenna Cole Allee (artist/curator), Orla Gilheany, (artist) Zoë Peterson (artist), Ann Schnacke (artist)

INTERNATIONAL Network

Loughborough University (London, U.K.)

local Network

  • I Diacci
  • Morena Cilva herbs expert
  • Villa Romana

OSPITI

  • Curator Gaia Tedone (U.K./ITA)
  • Curator Maria Rosa Sossai/Ala Group (ITA)
  • Fare Arte (ITA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici + undici =